GPI Group

News/

AirCardio: un progetto per la cardiopatia congenita pediatrica

Creare un sistema di tele-monitoraggio nel percorso ospedale- territorio per la cardiopatia congenita pediatrica (CCP), in grado di coinvolgere il domicilio del paziente, i familiari e il personale ospedaliero: questo l’obiettivo del progetto AIRCARDIO.

Il progetto, attraverso l’innovazione delle metodologie e la digitalizzazione dei processi sanitari mira a fornire strumenti di supporto e processi digitalizzati per cure domiciliari. Lo scopo è di  valutare il paziente con CCP in terapia medica o nel decorso post-operatorio, per monitorizzare il decorso post ricovero e la terapia del pazienti con cardiopatia congenita operati e non.

La telemedicina nella CCP – una delle malformazioni più frequenti alla nascita che bisogna considerare come patologia cronica - offre la possibilità di continui e frequenti controlli dei parametri clinici e strumentali sia nel periodo pre e post-operatorio sia nel follow-up del paziente, se clinicamente indicato.

AIRCARDIO consentirà lo sviluppo di tecnologie digitali innovative con valenza generale in ambito sanitario quali:

  • sensori indossabili a bassa invasività, per monitorare sia lo stato di salute sia (novità) il benessere psicofisico;
  • metodologie di progetto software medicale di tipo “agile” ad alta produttività;
  • approccio sistemistico per garantire la sicurezza dei dati;
  • piattaforma di elaborazione dati a supporto delle decisioni cliniche basata su big data analytics

Si tratta di un progetto assolutamente innovativo che, a regime, realizzerà un modello integrato di informazioni a uso del medico, migliorerà il percorso riabilitativo/terapeutico, attraverso l’aumento dell’aderenza alla cura, l’ottimizzazione terapeutica mirata alla malattia e personalizzata sul paziente e la riduzione delle ospedalizzazioni.

CONDIVIDI
TORNA SU